fbpx
 
Villa Manzoni Lecco

13 febbraio 2019: visita a Villa Manzoni

Lecco, Collegio Internazionale Arcivescovile Volta

PAUSA DIDATTICA: VISITA A VILLA MANZONI

Mercoledì 13 febbraio la classe seconda del liceo scientifico, accompagnata dalla prof.ssa Spreafico, ha visitato Villa Manzoni

La classe seconda del Liceo Scientifico ha visitato Villa Manzoni e, attraverso un percorso guidato, ha avuto modo di incontrare alcuni personaggi del romanzo manzoniano e rivivere alcuni episodi riproposti dagli attori del teatro Invito di Lecco.

IL SUGO DI TUTTA LA STORIA

“Dopo dodici mesi di noviziato, pieni di pentimenti e di ripentimenti, si trovò al momento della professione, al momento cioè in cui conveniva, o dire un no più strano, più inaspettato, più scandaloso che mai, o ripetere un sì tante volte detto; lo ripeté, e fu monaca per sempre”.

In quale mente o cuore adolescente non risuonano come inquietanti queste parole? Quelle appunto relative alla vocazione imposta a Gertrude, ancora fanciulla, dal padre per questioni di patrimonio.

E la Signora, figura storica nota nelle cronache del 1600 a cui Manzoni si è ispirato, è stata uno dei primi personaggi che ci è apparso nel percorso guidato dentro la Villa, personaggio sicuramente misterioso e insieme affascinante. Ad accompagnarci a gustare drammatizzati nelle sale e nel cortile alcuni tra gli episodi più famosi sono stati gli attori del Teatro Invito di Lecco.

Altra figura fatta rivivere dalle pagine del romanzo è stata quella di don Rodrigo, motore della storia per un suo capriccio: interessante il paragone con la prepotenza e l’arroganza di Maria Giacomo Manzoni, avo secentesco del nostro Lisander, cui è appartenuta la villa, si dice che al suo passaggio si spostavano persino i cani e si scappellavano i contadini senza ricevere alcun cenno di risposta. Abbiamo incontrato anche la paura di don Abbondio, il coraggio di padre Cristoforo (improvvisato da un nostro studente) di fronte a un potente, il piano del Griso e la desolazione della peste.

Fatti inventati ma verosimili, fatti storici, fatti autobiografici: vivono nella splendida cornice del Resegone e del San Martino visibili dalle finestre della villa del Caleotto; anche se Alessandro Manzoni ha vissuto nella villa unicamente come soggiorno di campagna da bambino, tale cornice ha sicuramente favorito l’ideazione della vicenda de I promessi sposi.

“….conclusero che i guai vengono bensì spesso, perché ci si è dato cagione; ma che la condotta più cauta e più innocente non basta a tenerli lontani; e che quando vengono, o per colpa o senza colpa, la fiducia in Dio li raddolcisce, e li rende utili per una vita migliore. Questa conclusione, benché trovata da povera gente, c’è parsa così giusta, che abbiam pensato di metterla qui, come il sugo di tutta la storia”.

PER INFORMAZIONI

Per iscriversi inviare una mail a segreteria@collegiovolta.it
oppure telefonare al numero 0341 363096-1