La mostra atelier dei bambini della Scuola dell'Infanzia - Collegio Volta
4813
post-template-default,single,single-post,postid-4813,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 
Lecco, Collegio Internazionale Arcivescovile Volta

La Mostra atelier della scuola dell’infanzia

I progetti realizzati dai bambini nell’a.s. 2017/2018 in mostra per le famiglie

Durante l’anno scolastico sono stati realizzati laboratori e attività al fine di incrementare e potenziare l’area creativa di ogni bambino. Per i più piccoli è stato creato un contesto prevalentemente di esplorazione e scoperta, mentre per i più grandi la ricerca è stata sviluppata in una prospettiva più progettuale.

A conclusione del percorso, negli ultimi giorni di scuola è stata allestita una mostra che ha permesso alle famiglie di poter ammirare alcuni degli elaborati dei diversi percorsi vissuti dai bambini durante il corso dell’anno.

Nel video sottostante sono mostrati i lavori e i progetti, le installazioni sonore e il risultato di tutti i laboratori creativi a cui hanno partecipato attivamente i bambini.

I progetti

Per quanto riguarda i grandi dell’indirizzo espressivo-creativo i lavori si sono concentrati sulla realizzazione di un gioco in scatola. I bambini sono stati impegnati nel lavoro a partire dalla progettazione, dall’elaborazione grafica e plastica, fino ad arrivare all’esposizione su base piana, del primo gruppo, di quattro ambientazioni: la foresta, il mare con il Titanic e l’iceberg, il deserto con il tesoro e le montagne rocciose. É stato poi elaborato graficamente lo spartito musicale con alcuni elementi caratteristici degli ambienti scelti e riprodotto dai bambini utilizzando voce e strumenti musicali.

Il secondo gruppo ha scelto invece di utilizzare come base del cartone da imballaggio che ha permesso uno sviluppo non solo piano, ma anche verticale dei progetti realizzati. I plastici sono stati realizzati e vissuti durante l’anno attraverso il gioco che ha trasformato pian piano la foresta, il vulcano e la casa sugli scogli. Anche il secondo gruppo ha realizzato il suo spartito musicale, elaborato graficamente partendo da un elemento casuale: una formica è stata catturata su un foglio dalla fotocopiatrice. Il piccolo animale è diventato così inaspettato protagonista di un percorso sonoro.

É importante sottolineare come i bambini siano stati protagonisti in autonomia del percorso a partire dalle idee di progetto, dalla scelta dei materiali di recupero utilizzati, alla decisione di come utilizzarli fino alla contrattazione con i compagni. L’aiuto delle insegnanti è arrivato solo come supporto nelle operazioni di costruzione più complicate e come approfondimento dei temi emersi, valorizzando le idee dei bambini.

Durante l’anno, è stato dato grande spazio, sia nel gruppo dei grandi che in quello dei piccoli, all’osservazione di elementi naturali, esposti su delle piastre all’interno della mostra.

Un altro percorso di esplorazione è stato realizzato attraverso la creazione da parte dei piccoli di elaborati grafici con l’uso di differenti materiali e superfici, lavorando sia nell’ambito plastico che sonoro.

In ambito di elaborazione sonora nella mostra sono stati posti due i punti di ascolto: il primo con la documentazione audio delle tracce registrate, il secondo caratterizzato da un’installazione video con a disposizione 5 cuffie per l’ascolto.

I bambini grandi dell’indirizzo internazionale hanno invece esplorato il mondo dei quadri, entrando dentro questi ultimi. Partendo dal filmato di Mary Poppins e dal film “Sogni” di Akira Kurosawa, dove un quadro di Van Gogh prende vita, sono stati riprodotti alcuni quadri del pittore olandese, incorniciati come delle vere opere d’arte. Sono stati anche rielaborati con elementi naturali e colori primari alcuni quadri di Mirò e gli arazzi di Matisse.

I mezzani si sono dedicati poi alla realizzazione di fogli composti da pezzi colorati di carta velina che sono stati utilizzati per differenti esperienze e giochi di luce. Divisi per gruppi, ognuno di questi ha lavorato su un tema diverso in base alle caratteristiche dei gruppi stessi.
Il gruppo dei grilli, insieme ai piccoli che hanno scelto l’indirizzo espressivo, si è cimentato alla scoperta delle ombre per cui sono state realizzate diverse osservazioni sia all’aperto che all’interno, utilizzando fonti luminose artificiali.  I bambini hanno poi disegnato le ombre così come le vedevano, cercando di catturarle!
Per finire hanno realizzato un razzo e una giostra girevole degli animali, così da poter giocare e osservare come le ombre si combinano e si modificano.

Le mezzane della sezione delle coccinelle hanno costruito un teatrino delle marionette, e sfruttando la loro creatività hanno realizzato non solo i pupazzi ma hanno anche preparato le scenografie, inventando differenti storie e dando un nome e delle caratteristiche specifiche ai loro personaggi, per mettere poi in scena degli spettacoli.

I mezzani del gruppo delle farfalle hanno intrapreso due diversi percorsi, entrambi realizzati grazie all’ispirazione di un elemento naturale, che ha dato il via ai progetti. Il primo laboratorio è stato affrontato partendo dalla neve. Dopo aver osservato la neve durante una nevicata invernale, i bambini hanno realizzato con la colla vinilica dei fiocchi di neve che successivamente sono stati appesi nelle classi. Il secondo progetto ha come punto di partenza i sassi. Ogni bambino ha provato a immaginare cosa potesse rappresentare ogni sasso, e successivamente ognuno di loro ha creato piccole opere d’arte personalizzate e un tris, per giocare tutti insieme in compagnia.