Atelier 2016/2017 - I Libri sonori - Collegio A. Volta Lecco
4377
post-template-default,single,single-post,postid-4377,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 
Volta Scuola Infanzia Lecco atelier

Atelier 2016/2017 – I Libri sonori

Lecco, Collegio Internazionale Arcivescovile Volta

Atelier 2016/2017 – I Libri sonori

Anno scolastico 2016/17, Scuola dell’Infanzia del Collegio “A. Volta” di Lecco.

L’idea di realizzare dei libri sonori con i bambini nasce dal desiderio di ottenere  materiali che introducano alla scoperta del mondo sonoro nella prima infanzia e nell’infanzia, che suggeriscano stimoli sonori ai bambini e che possano essere successivamente utilizzati come supporto dalle insegnanti.

Il “Libro sonoro” viene realizzato dai bambini che frequentano l’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia ed è stato proposto ai compagni della stessa scuola e utilizzato anche dai bambini del Centro Prima Infanzia, Sezione Primavera.

Si è operato con quattro gruppi e i materiali realizzati risultano così composti:
– quattro libri illustrati,

– quattro CD audio con  tracce sonore realizzate dai bambini,

– quattro video che illustrano la storia, con le loro voci narranti.

Per la realizzazione del libro sonoro, sono stati utilizzati i linguaggi che i bambini hanno proposto, supportati dall’utilizzo di tecniche e tecnologie dedicate. 

Per poter sperimentare percorsi differenti, ai quattro gruppi (Api, Grilli, Farfalle, Coccinelle), sono stati proposti diversi punti di partenza.

Con le Api si è utilizzato il “Binomio fantastico”di  Gianni Rodari e inventata una storia. Con i Grilli si sono ricercati suoni in una storia già conosciuta: “I Tre Porcellini”. Con le Coccinelle, partendo da  un’esplorazione sonora, sono state trovate le “impronte” grafiche dei suoni e inventata una storia. Per finire con le Farfalle, sempre prendendo spunto da un percorso di esplorazione sonora, si è inventata un’altra storia.

Partenza…

Ai bambini viene spiegato il motivo del ritrovarsi nell’Atelier una volta alla settimana, per un periodo di tempo abbastanza lungo.
Quindi viene chiesto che significato hanno per loro le parole “libro sonoro”.
Poi:

“Cosa sono i suoni?”

“Che suoni conosciamo?”

“Ci sono suoni in questa stanza in questo momento?”

Ascoltiamo i suoni che entrano dall’esterno della scuola e quelli che arrivano dalle aule vicine.
Le idee sono tante, ricche: c’è chi parla di rumori, chi racconta di musiche, di quello che ascolta il papà, del CD in macchina. C’è grande attenzione nel riconoscere i suoni che ci circondano.
I bambini ascoltano, sorridono se faccio notare loro qualche suono che non balza subito all’orecchio come il proprio respiro, si muovono. Le scarpe si scontrano, fruscii, ticchettii, silenzi, occhi aperti e orecchie attente, passa un’automobile in strada, un bambino tossisce.
Quanti suoni! Ne abbiamo già per un anno intero!

E il libro?

I libri li conosciamo, ne abbiamo visti tanti, ma questo libro possiamo farlo come vogliamo noi, lo inventiamo. Però deve andare bene anche per i bambini piccoli… dobbiamo pensarci.

Il Concerto
I tre porcellini
La nota dentro la salamandra
Pin e Bum